Albo Pretorio on line

Albo Pretorio on line

D.Lgs. n.33 del 14/03/2013

Amministrazione Trasparente

Web Gis

Web Gis

Accessibilità



questo sito e' conforme alla legge 4/2004

Fatturazione Elettronica

Fatturazione Elettronica

Elezioni 2014

Elezioni 2014

PEC

PEC

Gli indirizzi PEC del Comune

 

Calcolo IMU

Calcolo IMU

Sportello SUAP

Sportello Unico per le Attività Produttive

Con tale link si assolve all’obbligo di pubblicazione della nuova modulistica edilizia unificata e standardizzata

RSS di - ANSA.it

Il Maiale

A partire dal mese di dicembre, le grida del maiale risuonavano distintamente per le vie del paese, ciò significava che per quel povero animale, amorevolmente cresciuto e rimpinzato fino ad allora, era giunto il momento per il quale era nato. L’uccisione del maiale era un appuntamento fisso e atteso, al quale partecipava l’intero parentato e vicinato. Ancora oggi, quando viene ucciso il maiale, per prima cosa si tagliano dal filetto “i parti” da sistemare in un piatto con un pezzo di fegato avvolto nel “picchio”, da regalare ad amici e parenti.
L’intero animale veniva sapientemente tagliato, ciò consentiva di sfruttarne al meglio ogni minima parte. Con il sangue si preparava “u sancelu”; con la testa, i piedi, e la coda, “u suzu”; la parte del collo veniva tagliata in modo da ottenere il capicollo e “i vijulari” ; una parte dei prosciutti veniva usata per le salsicce e le soppressate, mentre un’altra, lasciata integra, si salava per ottenere il prosciutto; il lardo veniva tagliato a pezzi, una parte veniva impastato con le salsicce e le soppressate, un’altra parte veniva bollito insieme alle ossa e alle cotiche, ottenendo “i frittule e i risimugghi” e il grasso, che fungeva sia da condimento, che da conservante per le salsicce e le soppressate indurite.
Per poter realizzare tutto questo, si impiegavano parecchi giorni, alla fine con il poco che era rimasto, cioè le ossa più piccole e la carne più sanguinosa, si preparava “la frissurata” cui erano invitati i parenti e tutti coloro che avevano aiutato a “cunzari u purceddru”.
 

I cookie aiutano a fornire servizi di qualità. Navigando su questo sito accetti il loro utilizzo.     Informazioni

Comune di Casabona

P. IVA 00333110799

Sito ottimizzato per Mozilla Firefox e Google Chrome

HTML 4.01 Valid CSS
Pagina caricata in : 0.354 secondi
Powered by Asmenet Calabria