Albo Pretorio on line

Albo Pretorio on line

D.Lgs. n.33 del 14/03/2013

Amministrazione Trasparente

Web Gis

Web Gis

Accessibilità



questo sito e' conforme alla legge 4/2004

Fatturazione Elettronica

Fatturazione Elettronica

Elezioni 2014

Elezioni 2014

PEC

PEC

Gli indirizzi PEC del Comune

 

Calcolo IMU

Calcolo IMU

Sportello SUAP

Sportello Unico per le Attività Produttive

Con tale link si assolve all’obbligo di pubblicazione della nuova modulistica edilizia unificata e standardizzata

RSS di - ANSA.it

Innamoramento e Amore

Il rapporto d’amore era caratterizzato da un forte romanticismo, dal momento che le occasioni per parlarsi erano davvero poche, si comunicava spesso tramite le canzoni. Nella canzone riportata di seguito si parla di un amore contrastato dai genitori della ragazza, a causa del quale questa ha pianto molto. Il ragazzo, passando come d’abitudine sotto casa della fidanzata, la vede in lacrime e turbata, per cui, radunati alcuni amici cantori, ritorna sotto la finestra della sua bella e cerca di consolarla col canto:

 

Sira passava e tu, bella, ciancìa,
a mia na lancia mi pirciau lu cori.
C’era troppa genti a ru vicinu
sennò diri t’avìa dui palori.
A ru cantari ti lu vegnu a diri
ca a tia ciancianu l’occhi e a mia lu cori.
Cittu gioiuzza mia, no ‘cchiù, ciancìri
ca pochi giorni ti ci farò stari.
Vena nu jornu e n’amu di vidiri
dintra sa guerra t’ai di cacciari.


Stasera sono passato e tu bella piangevi
a me una lancia ha trafitto il cuore.
C’era troppa gente nel vicinato
altrimenti ti avrei detto qualcosa.
Cantando ti vengo a dire
che a te piangevano gli occhi e a me il cuore.
Silenzio gioia mia, non piangere più
pochi giorni ancora ti farò stare qui.
Verrà il giorno in cui ci vedremo
da questa guerra ti devo togliere.

Nel caso in cui la ragazza rifiutava la proposta di fidanzamento, l’innamorato deluso e arrabbiato cantava:

Faccia di lucerteddra ‘mpusa all’ogghju
tu va dicennu ca moru ppe tia,
va jettati sutt’acqua e subba scoglio,
va fatti na lavata cu lissìa.
Passu di ca, ca cihaiu la passata,
nun ti cridìri ca passu ppi tia
ca i l’atra parte ci haiu l’annamurata
megliu e megliori di vuia signoria,
megliu di gradu e di parentela,
ca di bellezza ni passa a tia.
Ca tutti i guali toi
l’haiu a ra Spagna chi guarda porci,
chi sona a vrogna
e n’atra l’haiu a ra cupa i da castagna.


Faccia di lucertola conservata sott’olio
vai dicendo che muoio per te,
buttati sott’acqua e sopra lo scoglio,
vai a lavarti con acqua e cenere.
Passo sotto casa tua perchè qui è la strada,
non pensare che passo per te
che ho l’innamorata dall’altra parte
migliore di voi,
migliore di grado e di parentela,
di bellezza superiore alla tua.
I tuoi eguali qualcuno
li ho in Spagna a guardare maiali,
altri a suonare la.......
altri li ho .............

 

In un’altra canzone, invece, il ragazzo avendo saputo che la suocera ha avuto da ridire nei suoi confronti, così canta:

 

Mammita ti vulìa ‘mmilinari
quannu ha saputu ca vulìi a mia.
Gioiuzza ‘u ti fari ‘mmilinari
‘u ti piari a morti ‘ppi mia.
Ma pigghiati a chiru ca ti vonu dari
forse ‘cchiù beddru e maggiore di mia.
‘Pi megghiu gradu e megghiu parentatu
e di bellezza n’avanza da mìa.


Tua madre avrebbe voluto avvelenarti
quando ha saputo che stavi con me.
Gioia mia non ti fare avvelenare
non morire a causa mia.
Ma fidanzati con chi vogliono loro
forse più bello e più ricco di me.
Per migliore grado e miglior parentato
e per bellezza mi supera.

E, rivolto ancora alla suocera, che abitando a pianoterra è sicuramente inferiore a lui, canta:

Donna muta pinsèru scordatinni
non cchiù lu nomi meiu vintumàri.
Non sugnu capucciu ‘a ra ghiazza mi vinnu
nemmenu fogghi ‘pi mi cucinari.
Eiu ‘i na scala ci ‘nchianu e ci scinnu
tu nu scalunu ‘u nu pò ‘nchianari.
Ti criscinu l’ali e t’ammancanu li pinni
duvi spiri tu nun poi vulàri.


Donna non fare più il mio nome.
Non sono cavolfiore da vendere in piazza
nè verdura da cucinare.
Io faccio su e giù per una scala
Tu non puoi fare neanche un gradino.
Ti crescono le ali ma ti mancano le piume
dove soffi tu non puoi volare.

Legate ad una forte tradizione romantica sono sicuramente le canzoni qui di seguito riportate definite dalla nostra nonnina “canzoni d’amore tradizionali”:

Quannu nasciscisti tu fonti ‘i bellezza, mammita parturì senza duluri.
Nascisti chiru jornu ‘i d’allegrizzi
ca li campani sunavanu suli.
La niva ti dunau li sua ianchizzi
la rosa russa li belli culuri.
Lu pipi ti dunau la sua fortezza
e ra cannella lu belli sapuri.
Rosa russa di si virdi spini
culonna di li nobili funtani.
Quannu camini tu lu suli ‘ncrina
l’aria spariscia di la tramuntana.
Di juri ti cummèna na catina
i petri preziusi na cullana.
Ti cummèna ‘i d’essere na regina
e jre a spassu cu ‘u re di Spagna.
Donna cu ri capiddri nargentati
subba sa cara frunti li purtati.
Vena ra festa e vi li pittinati
trema ra terra quannu li sciunniti.
Sona la Santa Missa e vui ci jati
la gente fanu largu e vui trasiti.
A chira seggia ca vui vi siditi
nu giardinu d’amore ci truvati.
Azati l’occhi ‘u celu e vui ririti
criu ca cu l’Anciuli parrate.
Si spiccia ra Santa Missa e bi ni jati
la gente senza cori li lasciati.
Jati ara casa ‘pi v’addurmentari
la luna fa la ninna e vui durmiti.


Quando nascesti tu fonte di belleza,
tua madre partorì senza dolore.
Il giorno in cui nascesti, le campane dalla
gioia suonavano da sole.
La neve ti regalò la sua bianchezza
la rosa rossa i bei colori.
Il pepe ti regalò la sua fortezza
e la cannella il suo buon sapore.
Rosa rossa dalle spine verdi
colonna di una nobile fontana.
Quando tu cammini, il sole si oscura
e l’aria della tramontana sparisce.
Per te è adatta una catena di fiori
ed una collana di pietre preziose.
Tu dovresti essere una regina
ed andare a spasso con il re di Spagna.
Donna dai capelli luminosi come l’argento
lasciati ricadere sulla cara fronte.
Arriva il giorno di festa e ve li pettinate
trema la terra quando li lasciate sciolti.
Suona la Santa Messa e voi ci andate
le persone si scostano e voi entrate.
Sulla sedia su cui sedete
ci trovate un giardino d’amore.
Alzate gli occhi al cielo e voi ridete
credo che parliate con gli Angeli.
Finisce la Santa Messa ed andate via
lasciate tutti senza scrupolo.
Andate a casa per addormentarvi
la luna canta la ninna nanna e voi dormite.

 

In altri casi, invece, è la donna a cantare all’innamorato:

 

‘O giuvineddru come sì di cori
come si trasutu in core a mia.
Quannu ti viu di fora viniri
nuddru mi para ‘cchiù beddru di tia.
Quannu ti viu la scala ‘nchianari
luci a ru lettu ‘i da cammira mia.
Quannu ti minti a ra tavula a manciari
cu nu dolci parrari chiami a mia.
Quannu va a ru lettu a ripusari
veni gioiuzza e riposa cu mia.


O giovinetto che cuore hai
e come sei entrato nel mio cuore.
Quando ti vedo rientrare dalla campagna
nessuno mi sembra più bello di te.
Quando ti vedo salire le scale
una luce illumina il letto della mia camera.
Quando siedi a tavola a mangiare
con un modo dolce di parlare mi chiami.
Quando vai a letto a riposare
vieni gioia e riposa con me.

 

<< torna indietro

I cookie aiutano a fornire servizi di qualità. Navigando su questo sito accetti il loro utilizzo.     Informazioni

Comune di Casabona

P. IVA 00333110799

Sito ottimizzato per Mozilla Firefox e Google Chrome

HTML 4.01 Valid CSS
Pagina caricata in : 0.404 secondi
Powered by Asmenet Calabria